Gallo Nero e La cucina della Val D’Ossola

Gallo Nero e La cucina della Val D’Ossola

La cucina della Val d’Ossola si caratterizza per la sua genuina semplicità. La stessa che anima la sua gente, le sue risorse e le culture passate che l’hanno forgiata.

Ricette antiche, alcune di secoli, si offrono tutt’oggi nei loro perenni aromi, sapori e cornici ambientali.

Per via della sua conformazione orografica e per il suo clima, la Val D’Ossola in passato si è retta importando le materie prime di cui era carente e, di conseguenza, esportando quelle di cui abbondava: carni, latticini e vini.

La cucina della Valle è povera ma al tempo stessa ingegnosa, saporita e relativamente ricca; sicuramente naturalissima.

I piatti tipici figli di questa terra sono diversi: gli gnocchi ossolani e gli Gnoch da la chigiàa vigezzini, le crespelle (tra le più tipiche quelle con il Grasso d’Alpe e il prosciutto cotto) o i ravioli alla mascarpa originari della Valle Anzasca.

Gli gnocchi walser, preparati con farina, uova e latte e conditi con cipolla e pancetta sono decisamente più vicini alle tradizioni locali rispetto ai più conosciuti gnocchi ossolani, nella cui ricetta si utilizza il pomodoro.

La pasta walser è invece preparata facendo lessare patata e cipolla con la pasta corta, saltate poi in padella con un soffritto di cipolla, lardo (o pancetta) e formaggio.

Per quanto riguarda i secondi piatti, regnano sovrani la carne (manzo, maiale, cervo) e il pesce di lago.

La Val d’Ossola è il tuo viaggio di andata e ritorno in una cucina autoctona, semplice e appagante, dal gusto autentico e genuino.

No Comments

Post A Comment